Posillipo
Archeologia a Napoli

Visita alla Villa imperiale di Pausilypon

Grazie agli scritti di Cicerone, Orazio, Seneca, Tacito, Svetonio e tanti altri autori classici, possediamo un vivido ritratto della vita aristocratica romana nelle ville del Golfo di Napoli.

Opulenta e dedita al lusso, alle congiure, agli intrighi e ai pettegolezzi, la “società della villa” occupò i punti più belli del Golfo, costruendo grandiose abitazioni di “villeggiatura” progettate allo scopo di godere al massimo le eccezionali bellezze naturali e di offrire al proprietario e ai fortunati frequentatori i piaceri del corpo e della mente.

Pausilypon, il luogo che fa cessare le preoccupazioni, fu una delle zone più ambite da ricchi e aristocratici. I resti delle lussuose residenze dei nobili di Roma si conservano sia sulla terraferma sia sotto il livello del mare lungo il litorale di Posillipo fino a Nisida.

Tra queste vi è il grandioso complesso costruito a picco sulla Cala di Trentaremi che appartenne al ricco e spietato cavaliere romano Publio Vedio Pollione che la donò all’imperatore Augusto nel 15 a.C., che ne fece la sua residenza.

Paesaggi mozzafiato, un teatro, un odeon, piscine, giardini pensili, grandiosi padiglioni abbelliti da marmi preziosi costruiti a picco sul mare, si dispiegavano sotto gli occhi attoniti dei visitatori che, appena usciti dalla buia Grotta di Seiano che dava accesso alla villa, restavano abbagliati dalla grandiosità delle residenza dell’imperatore.

La visita è prenotabile: Lunedi al Sabato

Durata: 1 ora circa

Costo visita: da concordare

Ingresso sito: gratuito

Appuntamento: presso la Grotta di Seiano, Discesa Coroglio 26