Itinerari guidati

 

Gli Itinerari guidati alla scoperta del Golfo di Napoli offerti da Archeologia a Napoli sono percorsi strutturati per avvicinare, in modo semplice, i non addetti ai lavori a tematiche anche complesse, attraverso piacevoli passeggiate tra le bellezze di questa straordinaria terra, guidate da chi vive e pratica l'archeologia quotidianamente.

Scopri Napoli con noi e finanzierai la ricerca indipendente!

Tutti gli itinerari saranno tenuti da Guide turistiche abilitate della Regione Campania.

clicca e scopri!

Napoli

Città unica al mondo, che si caratterizza per la molteplicità di culture che nel corso di tre millenni l'hanno abitata lasciando traccia del proprio passaggio e dando forma a una metropoli complessa, variegata e sorprendente. Dietro ogni angolo si nasconde una storia millenaria, un fatto memorabile, un mistero irrisolto; il suo fascino tra bello e terribile spinse Goethe ad affermare che Napoli era "un paradiso abitato da diavoli".

clicca e scopri!

Pompei

Le città sepolte dalla terrificante eruzione del 79 d.C. costituiscono la più preziosa testimonianza della vita quotidiana all'epoca dei Romani. Pompei si estende per circa 66 ettari e visitarla significa percorrerne le strade, entrare nei negozi, nelle case, nelle terme, nei teatri fino a trovarsi completamente immersi in un'antica città.

 

clicca e scopri!

Oplontis

La villa romana occupa una superficie edificata di almeno 3650 mq ed è costituita da due nuclei distinti uno, del I secolo a.C., che discende dalla tipologia della casa ad atrio, decorato da bellissime pitture in “stile architettonico” (II stile) e l’altro, di età neroniana, incentrato sulla piscina (“natatio”).

 

Cuma

Cuma, prima colonia greca d’Occidente, la cui rocca giganteggia sulla piana, è uno dei siti archeologici più importanti e spettacolari del golfo. L’aura mitica dei versi virgiliani pervade le rovine dell’antica città e quasi si materializza nell’antro della Sibilla, uno dei luoghi più suggestivi al mondo.

Bacoli/Miseno

L’epoca romana fece dei Campi Flegrei un luogo di straordinaria rilevanza dal punto di vista militare e strategico, dove furono impiantate infrastrutture imponenti che tramandano il sapere tecnologico e ingegneristico dei Romani, come ad esempio la grandiosa cisterna di Bacoli, la cd Piscina Mirabilis, che serviva ad approvvigionare Classis Misenensis,la principale flotta di Roma di stanza a Miseno.

 

Prenota la tua visita:

clicca e scopri!

Posillipo

 

Il grandioso Pausilypon appartenne al ricco e spietato cavaliere romano P. Vedio Pollione che lo donò all’imperatore Augusto. Paesaggi mozzafiato, un teatro, un odeon, piscine, giardini pensili, padiglioni a picco sul mare, si dispiegavano sotto gli occhi dei visitatori che, appena usciti dalla buia Grotta di Seiano, restavano abbagliati dalla grandiosità delle residenza dell’imperatore.

 

clicca e scopri!

Ercolano

Gli straordinari resti degli Scavi di Ercolano rappresentano una finestra aperta su un preciso momento del passato e testimoniano la civiltà romana con una tale abbondanza di particolari e con un eccezionale stato di conservazione dei materiali organici da poter essere ritenuti unici al mondo.

 

Pozzuoli

Pozzuoli, il principale porto di Roma nei primi secoli dell’impero, era famosa tra gli antichi come pusilla Roma (piccola Roma), poiché, nonostante le ridotte dimensioni, appariva come una grandiosa città, pullulante di genti provenienti da tutto il Mediterraneo. Due anfiteatri, il complesso termale noto come Tempio di Nettuno, il Macellum (tempio di Serapide), lo stadio, sono alcuni dei monumentali resti della città che affiorano imponenti nel moderno tessuto urbano.

 

clicca e scopri!

Baia

Baiae fu il luogo prescelto dagli aristocratici romani per la “villeggiatura”, ambito dalle più eminenti personalità e preferito dagli imperatori per la salubrità del clima e per le proprietà terapeutiche delle sue acque termali. La natura vulcanica dell’area che, grazie allo sfruttamento delle risorse termali, rese immortale Baia, ne segnò la fine a causa del bradisismo.

 

Musei

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli esibisce una collezione unica di affreschi, mosaici, sculture, ori, argenti e oggetti di uso comune provenienti dell'area vesuviana, la splendida Collezione Farnese e numerose altre.

Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei collocato nel Castello aragonese di Baia, recentemente arricchito da 47 sale, conserva manufatti provenienti dall’area flegrea che vanno dalla preistoria sin all’età romana.